Slide FanBox Google+

Il carattere dell'Alaskan Malamute

Il carattere di un cane è definito da due fattori:
1. dall'eredità: la sua predisposizione è definita dalle caratteristiche dei due genitori.
2. dall'esperienza che il cane accumula durante la fase delicata della sua gioventù. L'esperienza del cane e determinata principalmente dalla fase dell'imprinting ( fino alla 7a settimana di vita inclusa) e dalla fase della socializzazione ( fino alla 12a settimana di vita inclusa).
Queste due fasi definiscono la vita sociale futura del cane e pertanto devono essere sfruttate nel modo migliore possbile. Il cane deve dunque già essere stato avviato, presso l'allevatore, quando era cucciolo, ad un ambiente quanto più differenziato possibile. Se uno di questi fattori non è stato utilizzato in modo ottimale, il cane sarà generalmente più instabile, più apprensivo e/o aggressivo di ciò che dovrebbe essere.
Il Malamute e le persone
Sembrerebbe che il Malamute abbia un doppio carattere: piacevole e tenero, pur essendo piuttosto dominante di natura. Queste caratteristiche provengono dalle sue condizioni di vita d'origine, come cane da slitta dove doveva potere lavorare per diversi padroni, cosa che esigeva un carattere amichevole ed aperto verso gli stranieri. Il Malamute non deve dunque mostrare un'aggressività territoriale verso la gente (non è un buono custode), ma il suo carattere indipendente rende la relazione cane-padrone diversa da quelle che si possono avere con altre razze come ad esempio i pastori.
La vostra famiglia ed il cane formate una muta. Se il vostro Malamute giudica che non siete capace di assumere il ruolo di capo, prenderà lui stesso il posto di capo, cosa che potrebbe significare, se dovesse esserci la necessità, dal punto di vista del cane, che egli intervenga e corregga, voi o la vostra famiglia, con tutte le conseguenze sgradevoli che da ciò ne derivi.
Fenix Bright Northern Star's a 68 gg.
Prima di prendere un Alaskan Malamute in casa, siate dunque sicuri di potergli dare un'istruzione conseguente. Vi occorrerà allora una buona conoscenza del comportamento canino. Dovrete, fin dalla sua più giovane età, fare comprendere al vostro cucciolo quale sarà il suo posto nella famiglia. Infatti, fin dalla 12a settimana, inizierà con il mettervi alla prova per sapere chi è il padrone. Potete fargli capire che siete il dominante assumendo vari atteggiamenti:
1) quando il cucciolo vi mordicchia troppo, correggetelo dicendogli rigorosamente “NO„ e chiudetegli il muso. Se si ribella, mettetelo sul dorso e mantenetelo in questa posizione (senza parlarle o accarezzarlo) fino a che si calma.
2) essere colui che inizia e termina la partita.
    A) Sistemate i suoi giocattoli affinché non ve li porti sempre provocandovi. Tuttavia voi lo solleciterete prendendo un giocattolo ogni tanto e facendolo venire egli verso voi per cessare poi voi il gioco.
    B) Ignorate il cane se sollecita incessantemente la vostra attenzione. Ignorare significa non dire nulla, non guardarlo, far finta che non esistesse e se insiste troppo, improvvisamente alzarsi e andarsene.

Ignorandolo, gli comunicherete chiaramente che siete il capo, senza suscitare situazioni conflittuali. Chiamate il cane quando volete avere la sua attenzione: è il predominato che viene verso il dominante e non l'inverso.
Una volta che il cucciolo è di 8 settimane di vita, gli insegnerà i comandi base. Il "terra" a volte è difficile per un Malamute, perché è un atteggiamento di sottomissione. E 'quindi importante imparare presto questo comando al vostro cane. Il buon comportamento va immediatamente ricompensato.
Il Malamute ed i suoi simili
SimoneG&GDeBeauvoire & Fenix Bright Northern Star's
Il Malamute si mostra generalmente dominante. Occorre innanzitutto che il posto di ciascuno sia definito prima di passare al gioco. Quando incontra un altro cane dello stesso sesso, il Malamute si "impettisce"per impressionarlo, cosa che può suscitare dell'aggressività sopratutto negli altri cani che si sentono minacciati o provocati. Il Malamute non teme di provocare un piccolo litigio se l'intimidazione non è bastata affinchè l'altro simile capisca chi è il "capo". È dunque importante che controlliate e conosciate bene il vostro cane per evitare il più possibile simili situazioni. È per questo che il Malamute adulto non può essere liberato e pertanto va tenuto sotto "sorveglianza". Ma potete fare un grande piacere al vostro Malamute offrendogli un compagno, tanto più se il vostro Malamute resterà solo all'aperto nel giardino di casa. In generale, il Malamute non apprezza la solitudine ed un compagno fa spesso bene al suo carattere.
Il Malamute e gli altri animali
All'esterno, il Malamute gradisce fidarsi del suo fiuto per scovare qualcosa di commestibile o cacciare gli uccelli, la selvaggina, ma anche le pecore, conigli e gatti dei dintorni. Se gli date l'occasione creerebbe rapidamente grandi problemi di vicinanza. Ciò non significa tuttavia che il nostro Malamute non possa andar d'accordoe con altri animali domestici. Se, dalla sua più giovane età, è stato messo in contatto con altri animali, questi faranno semplicemente parte della sua muta.
Il Malamute e l'addestramento all'obbedienza
Ricordando quanto scritto in precedenza possiamo concludere che un'istruzione conseguente ed un addestramento (di base) sono indispensabili al Malamute. Si consiglia dunque di cominciare l'istruzione del vostro cucciolo non appena possibile: tra la 8a e la 12a settimana l'apprendimento è più rapido.
Potete praticare sport come lo agility, sleddog, dog-trkking, skyjoring con il vostro Malamute. Va ricordato che il Malamutes ha difficoltà ad interessarsi molto a lungo ad una stessa cosa; gli addestramenti devono dunque essere brevi, variati e molto motivanti perché il Malamute continui a trovare ciò divertente e prestarvi dunque la dovuta attenzione.
Il Malamutes è intelligente, ostinato e si lascia a volte distrarre dai loro istinti d'origine; ciò accade soprattutto quando si tratta del richiamo. Non lo punite mai se non ritorna direttamente al vostro ordine, ma ricompensatelo quando ritorna. Un cane che è punito per non essere tornato al richiamo quando ritorna associa il fatto di ritornare presso il suo padrone a qualcosa di sgradevole. Vi occorrerà allora molto tempo per ristabilire la fiducia. Sincronizzazione è la parola chiave in occasione dell'addestramento all'obbedienza: non si tratta soltanto di punire al momento opportuno, ma soprattutto di ricompensare il buon comportamento al momento giusto. In questo modo potrete ottenere dei buoni risultati dal vostro Malamute.
N.B. Non trascurate il fatto che il Malamute è un cane di lavoro, e non sottovalutate duque la sua necessità dell'attività fisica. Anche se non praticate sport con il vostro Malamute, quest'ultimo ha bisogno di alcune ore d'esercizio fisico al giorno.

CONDIVIDI

google+

1 commento:

Anonimo ha detto...

Può vivere in appartamento

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Link-Amici consigliati!